Pirandello Il fu Mattia Pascal
Appunti Luigi Pirandello
21 aprile 2017
Corpo Libero Training Camps 2017
Corpo Libero Training Camp
27 aprile 2017

Esercitazione per la prima prova

Prima prova maturità 2017

Le prove della maturità possono essere toste, ma non sono mai impossibili. Alcune sono del tutto simili alle verifiche e alle esercitazioni che hai già fatto durante tutto l’anno. Altre invece sono più particolari ed è bene conoscerle al meglio per affrontare l’ultima prova delle superiori con tranquillità.

 

Per fortuna il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) va incontro alle esigenze dei maturandi pubblicando ogni anno le vecchie tracce d’esame sul sito http://www.istruzione.it/esame_di_stato/201516/default_anno.htm. Sul loro sito troverai tutte le prime e le diverse seconde prove utilizzate negli ultimi 10 anni! Aprine qualcuna! Vedi come sono fornite le tracce della prima prova? Riusciresti a scrivere l’analisi del testo su un autore che conosci? Come te la cavi a scrivere un saggio breve con informazioni limitate? Sei una persona ben informata sui temi di attualità?

 

A QuintoPiano sappiamo per esperienza che fare un’esercitazione pratica è il miglior modo di prepararsi per una prova! Perché non fai un tentativo anche tu? Noi ti guideremo nell’esercitazione con utili consigli per impostare il corretto metodo di lavoro! Poi ti aiuteremo a correggerti in autonomia!

 

Pronto a fare una prova? …Una prima prova? …Una prima prima-prova?

Scrivere bene in italiano, è una questione di pratica, quindi non c’è niente di meglio che recuperare le tracce delle prove di un vecchio anno e fare un tentativo! Prenditi qualche ora libera per fare questa esercitazione: considera che durante la maturità avrai tra le 3 e le 6 ore per completare il tema. Prepara la tua postazione con dei fogli, delle penne e il dizionario (prendilo assolutamente!). Appena sei pronto, scarica una prova dal sito del MIUR e iniziamo!

1. Impara a gestire il tempo a disposizione! Dovrai scrivere il miglior tema possibile partendo da una traccia con poche informazioni. È fondamentale dedicare ad ogni fase di lavoro un tempo adeguato. Dedica al massimo 30 minuti alla scelta della traccia e 60 minuti alla stesura di una scaletta. Potrai dedicare così fino a 120 minuti per scrivere i contenuti in brutta e 90 per riscriverli in bella.

2. Scegli una traccia su un tema che conosci! Per scrivere una buona prima prova, in genere è necessario conoscere delle informazioni aggiuntive rispetto a quelle date: per esempio, ricordare la vita o lo stile di un autore, essere informati su quell’ambito scientifico o avere una buona preparazione storica. Per ogni traccia chiediti: “Quante cose so rispetto a questo argomento?” e appunta rapidamente ciò che ti viene in mente sul foglio. Se nessuno dei temi proposti ti sembra alla tua portata, puoi provare con il tema di ordine generale, ma ricorda che quello richiederà una buona dose di creatività.

3. Elabora accuratamente la tua scaletta! Una scaletta dettagliata e ben pensata renderà molto più facile scrivere il tema. Definisci gli argomenti che toccherai, quali informazioni vuoi inserire, quali personaggi rilevanti vuoi citare e poi metti tutto in ordine dal punto di vista logico. Non dimenticare un’introduzione e una conclusione efficace.

4. Scrivere è diverso da parlare! Nel linguaggio parlato, ci esprimiamo con molte frasi collegate anche dall’intonazione e dal linguaggio non verbale, ma quando si scrive tutto ciò non è visibile. In forma scritta bisogna esprimersi chiaramente, con frasi brevi e con pochi periodi subordinati o coordinati.

5. Per il lettore deve essere tutto assolutamente chiaro! Spiega ogni contenuto fornendo contesto e definizioni. Mentre scrivi la brutta, fermati a pensare se qualcuno potrebbe chiederti “Che cos’è?” o “Cosa intendi dire?” e poi scrivi della frasi per rispondere. Non fare balzi tra i contenuti, ma spendi sempre qualche frase per spiegare i passaggi più complessi.

6. Ricontrolla la brutta prima di iniziare la bella! Controlla che tutto il testo scorra senza buchi nel significato, che i tempi verbali concordino e che il tono rimanga serio per tutta la lunghezza del testo. Quando poi inizierai a scrivere in bella copia, controlla ossessivamente l’ortografia, la punteggiatura e la grammatica. Se hai dei dubbi, usa il dizionario come potrai fare all’esame (e solo eventualmente controlla su internet). Una volta finita la bella, sarebbe meglio non ritoccare più nulla: rimani concentrato su quello che stai facendo!

 

Tema finito! Complimenti!

 

La prossima cosa da fare è correggerlo, ma è meglio farlo in un secondo momento, per essere a mente più fresca. Se in questa fase, vuoi farti aiutare da un amico o da un adulto è anche meglio. Eccoti alcune domande che potrai farti per auto-valutarti!

  • Ripensa alla traccia scelta: sarebbe stato meglio cambiarla?
  • Quanto tempo hai impiegato a scrivere il tema? Potevi essere più veloce o sintetico? O forse avresti potuto aggiungere qualcosa?
  • Per correggere il contenuto rileggi una volta il testo ad alta voce senza soffermarti sugli errori. Ascoltandoti il discorso segue un filo logico? Una persona che stia ascoltando riuscirebbe a capire quello che vuoi comunicare? I tempi verbali concordano? Il tono mantiene lo stesso grado di serietà per tutto il testo?
  • Se il contenuto procede bene, allora è il momento di controllare la correttezza della struttura dei periodi. Leggendo ad alta voce, potresti aver notato che certe frasi sono così lunghe che finisci il fiato, oppure che alcune sembrano poco collegate a quelle che le precedono. Questi sono errori nella struttura delle frasi. Controlla la punteggiatura, spezza il discorso in periodi più brevi, oppure usa più avverbi connettivi.
  • Fatto questo, è il momento di dare la caccia agli errori! Leggi ogni parola ad una ad una separatamente come se stessi facendo un’azione in slow-motion. Questo ti permetterà di concentrarti solo sulle parole in sé e di notare ogni piccolo errore grammaticale e ortografico. Quanti errori hai fatto?

 

Hai imparato qualcosa dalla correzione? Faccelo sapere nei commenti!

 

Per trovare sempre consigli o qualcuno che corregga le tue esercitazioni, vieni a QuintoPiano, il supporto doposcuola più allegro di Padova!

Contattaci al n° 049/8936806 e chiedi di Liliana!

Continuando a navigare su questo sito accetti l'utilizzo dei Cookie. Leggi i dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi