Che granciporro uscire come uno sciamannato!

universita-insegna
Quale Università scegliere?
13 settembre 2016
spazio-al-futuro-innovatio-scientia-sapientia
“Verso l’infinito e oltre!”
30 settembre 2016

Che granciporro uscire come uno sciamannato!

precipitevolissimevolmente

Vi serve la traduzione del titolo? Comprensibile. Granciporro e sciamannato non sono neologismi, bensì fanno parte di quella larga cerchia di parole italiane che non si usano più da così tanto tempo che ormai facciamo fatica anche a dar loro un significato, pur non essendo arcano. Vediamo altre di queste affascinanti parole vetuste.

Ad esempio, è possibile ricorrere ad un unico termine per esprimere qualcosa che non si usa più, come le parole che vedremo in questo post, ovvero desueto, comodo no?

Pensate che sagittabondo, altro termine italiano di facile collocazione, viene addirittura segnato come errore dal pc, fate una prova se non ci credete! Si tratta di un aggettivo attribuibile a chi è dotato di tanto fascino: la sua etimologia ha origine dalla figura del Sagittario (il bel centauro con l’arco), solo che al posto delle frecce il sagittabondo scocca sguardi che fanno innamorare. Ragazze potete usare questo termine quando parlate del tipo più figo della scuola, non vi capirà nessuno.

Se già non siete sicurissimi si sapere il significato di ridondante sappiate che c’è una parola dotata di una fonetica stupenda, inizia con un suono morbido e termina con una rullata che è uno spettacolo, ed è suo sinonimo: pleonastico.

Pleonastico è un aggettivo che si riferisce a ciò che è superfluo all’interno di una frase, ad esempio “entrare dentro” e “uscire fuori” sono pleonastici, sono parole associate con la stessa semantica.

Quindi evitate di usare troppi pleonasmi se non volete incorrere in uno stoltiloquio! Stranamente, anzi, molto stranamente, la parola “stoltiloquio” è caduta in disuso. Coniata ad-hoc per etichettare discorsi privi di senso, stolti appunto, trova applicazione praticamente ovunque: questi purtroppo non diventano mai desueti, se ci fate caso.

Vedrete che in men che non si dica riuscirete ad inserire queste parole arcaiche nei vostri temi e discorsi, e la facondia sarà una nuova dote che vi caratterizzerà senza però farvi sembrare dei smargiassi, o peggio ancora dei guappi.

Quasi dimenticavo! Granciporro significa “errore madornale”, e sciamannato significa “trasandato, in disordine”, ad esempio: “Non vorrai mica uscire così sciamannato?”, oppure: “Vedi quello sciamannato laggiù?”.

Probabilmente, sentendovi usare questi termini, la gente vi guarderà con la stessa espressione di una mucca che rumina mentre guarda il treno che passa, o nel migliore dei casi vi chiederà il significato innescando un circolo virtuoso di ridiffusione delle parole vintage!

Piccolo dizionario delle parole “strane” disseminate nel post

Granciporro: errore madornale
Sciamannato: dall’aspetto trascurato e disordinato
Desueto: fuori dall’uso comune, che non si usa più
Sagittabondo: persona che lancia sguardi ammalianti
Pleonastico: aggettivo che si riferisce a termini superflui
Stoltiloquio: discorso sciocco e senza senso
Facondia: facilità nella prole, ma anche scioltezza ed eleganza nel parlare
Smargiasso: riferito a una persona piena di sé, spaccone, che millanta doti che in realtà non ha
Guappo: arrogante, pacchiano, sfrontato

Continuando a navigare su questo sito accetti l'utilizzo dei Cookie. Leggi i dettagli

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Chiudi